25 anni di ZX Spectrum…

7 anni fa

25 anni fa veniva lanciato sul mercato quello che poco tempo dopo sarebbe diventato il mio primo computer, il glorioso ZX Spectrum! Che bei ricordi i miei primi listati in basic, le cassette consumate a furia di caricare i giochi (all’epoca si trovavano in edicola, rinominati per evitare problemi di copyright!), i tempi di caricamento biblici osservando ipnotizzato le linee blu e gialle che si alternavano sullo schermo, mio papà che mi dettava per ore il codice di un’avventura testuale ("La casa stregata") che io battevo sulla tastiera ma che non siamo mai riusciti a far funzionare.
Riporto un mio vecchio post che avevo scritto ai tempi del blog su Clarence (magari Gattostanco si ricorda qualcosa…):

Quando ero piccolo, invidiavo i miei migliori amici perchè avevano il computer. Chi l’Amiga, chi il Commodore 64, chi il suo fratellino minore Commodore 16. Ero felice quando mi ci facevano giocare, e non ho idea di quante volte questo entusiasmo sia stato annichilito dai seppur gentili no dei miei, alle richieste di acquistarne uno. Potete quindi immaginare la mia suprema gioia quando, un pomeriggio di un giorno poco prima di Natale, mio papà mi portò in un negozio di elettronica (all’epoca non esistevano ancora quelli esclusivi per computer!) per chiedere informazioni su quegli scatolotti misteriosi. Mi ricordo praticamente tutto di quel pomeriggio: il commesso che ci mostrava il funzionamento di quello che poco più tardi sarebbe diventato uno dei miei più affezionati compagni di giochi, un altro commesso che andava al piano di sotto per prendere un registratore a cassette di colore nero (i programmi erano registrati su nastro), io e il papà a scegliere il mio primo videogame (inspiegabilmente ho scelto un gioco di formula uno, sport di cui non ero per nulla interessato), e il ritorno a casa in macchina con la scatola di fianco a me, protetta dal mio abbraccio come neanche mamma orsa farebbe con i suoi cuccioli.
Lo scatolotto in questione era un Sinclair Spectrum+, uno dei primi personal computer a diffondersi in discreto numero in Italia, le cui caratteristiche hardware oggi fanno ridere chi è abituato a ragionare in Mega. Per quanto infinitamente meno potente rispetto agli standard attuali, all’epoca ha permesso a moltissime persone di fare i primi pioneristici passi in una terra, quella dell’informatica, che sarebbe stata colonizzata anni più tardi.

  • Produttore Sinclair
    Quest’uomo è un vero e proprio visionario, creatore di progetti innovativi e talvolta deliranti…
  • Processore Z80A
    Altro che Pentium utilizzati a mezzo servizio, questo chip faceva sempre gli straordinari!
  • Velocità (MHz) 3.5
    Se fate due conti, i processori odierni vanno a 3500 (MHz)!
  • RAM (KB) 48
    Notare che si parla di KB e non di MB, ossia un milione di volte meno di quella sul vostro pc!
  • ROM (KB) 16
    La ROM (Read Only Memory) è una memoria permanente ove risiede un Software indispensabile al funzionamento del PC…e strano a dirsi in 16 KB ce ne stava un bel po’…
  • Sonoro beeper ad un canale
    Avete presente il beep di una una radiosveglia?
  • Numero di tasti 58
    Nell’immagine si può notare come schiacciando i tasti venivano digitati su schermo interi comandi, non le singole lettere…
  • Dimensioni (mm) 319 x 149 x 38
    Quasi tascabile…
  • Porte per interfacce d’espansione (connettore a 28-pin)
    Per connettere il joystick era necessaria una interfaccia supplementare, e spesso quella scelta non era supportata dal videogioco di turno (io avevo la gloriosa Kempston)
  • Interfaccia per registratore a cassette
    Altro che floppy, lo Spectrum usava questi diffusissimi supporti, e a pensarci bene come scelta è stata geniale…
  • I colori disponibili erano otto (per ottenere le sfumature venivano usate fantasiose retinature…):
    nero
    blu
    rosso
    magenta
    verde
    cyano
    giallo
    grigio/bianco

Con specifiche di questo tipo, per forza di cose i videogiochi non erano colorati come quelli del concorrente Commodore 64, sebbene quelle schermate quasi monocromatiche avessero una definizione molto meno cubettosa. Per approfondire il discorso consiglio un sito italiano e Worldofspectrum, quello in assoluto più ricco di materiale e informazioni.
Purtroppo non ho trovato il mio Spectrum negli scatoloni, e spero vivamente che non sia stato buttato via…sembrerà stupido, ma mi sono affezionato a quell’ammasso di circuiti…

 

13 pensieri su “25 anni di ZX Spectrum…

  1. pigliapost

    E non per essere polemico, ma i MHz attuali sono al massimo 2500.

    Se davvero fossero quelli indicati nel testo, credo proprio che invece di stare qui a commentare il blog, sarei per strada a combattere Skynet :P

    Replica
  2. Marco

    Erano Hz, non MHz, grazie Pigliapost! Rispetto al Commodore64 Zelig, ma per me non c’è storia…:-) Sono troppo affezionato allo Speccy…

    Replica
  3. gattostanco

    Mitico!!! Che tuffo nei ricordi… Be’, invecchio e iniziano ad essere un po’ sfocati :) …Ma io mi ricordo persino lo ZX80 con quella sua tastiera assurda. Eh, facciamo parte dell’ultima generazione (chi più e chi meno) nata senza mouse ;)
    Comunque da parte mia non c’era storia col Commodore. La Sinclair era inglese e questo bastava.

    Replica
  4. jpm3

    anch’io ho iniziato con quello e passavo i pomeriggi a usare jumpin’jack, orazio lo sciatore e un proto-calcio assurdo da giocare. Preistoria!

    Replica
  5. supamax

    Ragazzi, guardate che erano MHz.
    Controllate pure su WoS o altri siti…

    Spectrum: 3.5 MHz
    C64: 1 MHz

    Replica
  6. il mio

    ha,ha ,ha il fatto che un c 64 costava poco più di 600.000 mila lire dagli anni 82 in su fjpkc x

    Replica
  7. Vincenzo

    Conservo gelosamente i miei spectrum, avevo trentanni, non più giovanissimo ma affascinato dall’informatica ho perseguito quella strada con immutata passione, ho tutti gli acessori e una ricca bibblioteca di nastri e libri, compreso un corso di Basic uscito in edicola…..che anni meravigliosi.

    Replica
    1. Marco Autore articolo

      @vincenzo: io ero molto più piccolo, ma lo conservo tuttora anch’io. Bei ricordi :-)

      Replica
  8. Pingback: Auguri ZX Spectrum…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>